Partecipazioni di nozze: ecco cosa non dove mai mancare

Se stai progettando il tuo matrimonio, allora saprai che l’invio delle partecipazioni di nozze richiede particolare cura e attenzione. Sono infatti loro il primo modo per rendere i tuoi invitati parte integrante del matrimonio e di tutti i dettagli della giornata. Ma… Cosa non deve mai mancare in una partecipazione di nozze per essere perfetta?

Partecipazioni di nozze: le regole secondo il Galateo

Seppur banale, la prima e fondamentale regola è molto semplice. Le partecipazioni devono essere inviate sempre solo a coloro che si desidera avere presenti al grande giorno. In poche parole, se possibile, sono a evitare tutti gli inviti forzati o di cortesia. Chi se ne deve occupare? Secondo il Galateo il compito spetterebbe alla famiglia della sposa, anche se recentemente la consuetudine è che sia la coppia di futuri sposi ad inviarle personalmente.

Secondo la tradizione, le partecipazioni sono un invito – il più delle volte in forma cartacea – in cui sono riportate tutte le informazioni delle nozze. Se parliamo di un’impostazione classica, nella parte alta è necessario scrivere i nomi degli sposi, mentre al centro la data e l’orario di inizio cerimonia. Tutto deve essere chiaro agli invitati, perciò è bene indicare anche l’indirizzo del luogo della cerimonia mentre in fondo al biglietto, è buona norma indicare l’indirizzo dei futuri sposi. Infine, sempre a conclusione, si ricorda agli invitati che è gradita la conferma o si aggiunge la sigla R.S.V.P. (Répondez S’il Vous Plaît).

Attenzione: non è buona norma aggiungere titoli professionali davanti ai nomi propri.

Oltre a questi elementi imprescindibili, vi sono poi ulteriori dettagli che la coppia potrebbe aggiungere se lo desidera. Se ad esempio la location è piuttosto lontana, il consiglio è quello di stampare l’itinerario, così da facilitare l’arrivo degli ospiti. Un’altra idea, molto in voga negli ultimi anni, è stampare un mini-programma della giornata ad accompagnare la partecipazione per informare riguardo allo svolgimento del matrimonio.

Ultimo ma fondamentale dettaglio: ricorda di recapitare gli inviti almeno 2/3 mesi prima delle nozze.

Scegliere lo stile giusto

Dopo aver chiarito i punti immancabili nelle partecipazioni, è il momento della personalizzazione. Qui non ci sono regole precise, anzi, puoi sbizzarrirti nel creare l’impostazione che più ti piace.


Se hai già deciso a grandi linee il fil rouge delle nozze, il consiglio è quello di seguirlo anche nella grafica delle partecipazioni. In caso contrario, per andare sul sicuro, puoi optare per uno stile minimal e una palette dai toni soft. Ovviamente, come ogni elemento delle tue nozze, puoi personalizzarle ad hoc! Un biglietto artigianale o scritto a mano, ad esempio, sarà senza dubbio d’impatto.
Per renderle ancora più uniche ti suggerisco di includere dettagli sfiziosi come: piccoli fiori secchi o erbe aromatiche, la ceralacca, fiocchi o stoffe. Oppure… piccole gocce profumate per renderle davvero uniche!

Desideri creare delle partecipazioni e una wedding stationery dall’effetto “wow”? Clicca qui per fissare una consulenza gratuita!